Nuprime Omnia SW-8

un oggetto davvero incredibile che ho provato più per curiosità che per altro. Ma ho imparato a non essere prevenuto e che ciò che può apparire insignificante all’interno di una catena audio, un palliativo per dirla allegramente come un mio amico audiofilo, spesso porta risultati inaspettati e sorprendenti.

Detto in termini terra terra si tratta di uno Switch di rete “Audiophile”, cioè ottimizzato per fornire su rete cablata un segnale senza disturbi e distorsioni, ottenuti attraverso un clock di precisione e una costruzione accurata e schermata. In effetti si presenta ben costruito, non è certo lo switch da 20€ in plastica che si compra al supermercato ma presenta un bello chassis metallico e 8 porte Ethernet 10/100/1000 a cui possiamo collegare anche il resto dei nostri dispositivi di rete. Il prezzo al pubblico di listino, 499€, lo pone molto distante anche da ottimi dispositivi pensati però per uso informatico e che onestamente non so se portino benefici sonici al nostro impianto audio, che è quello che ci interessa in questa sede.

Non sto qui a raccontarvi tante nozioni tecniche, anche perché non ne sarei in grado e passiamo quindi al lato pratico. Tuttavia se volete una descrizione accurata del prodotto vi lascio il link dell’importatore italiano, Audiograffiti, dove trovate tutto ben descritto e in italiano: IL NUOVO ACCESSORIO: NUPRIME OMNIA SW8

Per chi utilizza la musica liquida il passaggio alla rete rappresenta, a mio avviso, il punto di arrivo per un ascolto al massimo livello. USB purtroppo introduce rumore sul percorso e per tanto che si faccia, cavi esoterici, scatolotti di conversione, isolamenti galvanici e tutto quello che volete aggiungere, resta una scelta di serie b. Può piacere a molti come chi ama ascoltare i cd, con un front end avanzato, una presenza enfatizzata e una immagine con poca profondità e tridimensionalità. 

Mi rivolgo quindi a chi già è approdato ai dolci lidi della liquida attraverso un renderer o, almeno, uno streamer. Cosa succede inserendo questo switch sul percorso del segnale audio? La prima cosa che si scopre è la precisione del fuoco con gli strumenti che assumono un loro contorno ben preciso e non si impastano tra di loro. Classica, jazz o rock non importa. Cambia la dinamica e il volume sembra persino maggiore, tutto scorre più fluido e naturale con grande precisione timbrica e ritmica. Con la voce umana poi è lampante il netto miglioramento timbrico e di presenza. La scena inoltre diventa più olografica e devo dirvi che tutte queste cose messe insieme, pur non stravolgendo l’impianto, valgono bene i soldi richiesti perché se è vero che costa tanto per essere uno switch, è pur vero che 500€ sono poca spesa per l’apporto che reca. Perché è il risultato che conta.

Consiglio caldamente, a chi usa la liquida via rete, di provarlo. 

Credo che, come me, rimarrete entusiasti dei risultati che si possono ottenere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *